fbpx

Ci troviamo al piano superiore Centro Commerciale

TC CONE BEAM 3D O DENTAL SCAN: Cos’è? Come viene eseguito? Quando viene richiesto?

 

Che cosa è?

La TC Cone Beam 3D è uno strumento di radiodiagnostica basato su una nuova tecnologia,  sviluppata all’inizio degli anni 2000, che permette di catturare e acquisire immagini tridimensionali del cranio o parti di esso, come le arcate superiori e inferiori dei denti, le articolazioni temporomandibolari o ATM, i seni paranasali, oltre che il telecranio (inteso come immagine radiologica dell’ intera testa).


A che cosa serve?

La TC Cone Beam 3D viene utilizzata in numerosi ambiti:

  • in ortodonzia con lo studio dei denti: per chi soffre di mal posizionamenti, di denti inclusi o soprannumerari. L’alterato rapporto con le strutture limitrofe (cavità mascellari, fosse nasali) spesso richiede un grande lavoro riabilitativo da parte dell’odontoiatra, che necessita del supporto di un’ “imaging” affidabile.
  • Indicazione rilevante nella patologia sinusale, per lo studio dei dettagli anatomici utili ai fini dell’eventuale chirurgia endoscopica sinusale e per lo studio dell’esito chirurgico.
  • Fondamentale nell’analisi delle articolazioni temporo-mandibolari(ATM). Trova indicazione nelle anomalie ossee del massiccio facciale, per la pianificazione e verifica del trattamento chirurgico. Consente inoltre di individuare alterazioni ossee di tipo flogistico (osteomielite), neoplastico o traumatico (comprese le fratture dentali).
  • La TC Cone Beam 3D permette anche di effettuare esami ortopanoramici classici (che sono esami bidimensionali), per lo studio di primo livello delle patologie a carico delle arcate dentarie. Al contrario dell’ ortopantomografo di vecchia generazione però, l’esame effettuato con questo strumento offre una risoluzione dell’immagine migliore. Inoltre il Cone Beam 3D permette una minore esposizione ai raggi X grazie ad un tempo di acquisizione delle immagini ridotto, con una conseguente riduzione della dose radiante a carico del paziente. Tale caratteristica rende la TC Cone Beam 3D  il macchinario “gold standard” per gli esami in ambito pediatrico.


Quali informazioni fornisce?

L’esame consente al medico di visualizzare al meglio tutte le strutture anatomiche di interesse e quelle adiacenti in 3D, aiutandolo a programmare in modo mirato la terapia e/o il trattamento chirurgico più adeguato.

 


Quali esami è in grado di effettuare lo strumento TC Cone Beam 3D?

RX Ortopanoramica

RX Telecranio

RX e TC dell’ATM

RX e TC seni paranasali

 

Analisi di:

Denti inclusi

Denti soprannumerari

Terzo molare ritenuto

Articolazione temporo-mandibolare

Seni mascellari

Canale radicolare

Piccole fratture radicolari

Malattie parodontali/endodontiche

Pianificazione di:

Trattamenti implantari

Trattamenti ortodontici

Chirurgia ortognatica / orale


Come si effettua e quanto dura l’esame? 

Essendo un esame non invasivo, non c’è bisogno di alcuna preparazione. C’è una posizione precisa che bisogna assumere per fare in modo che le immagini catturate siano perfette, la quale, data la ridotta durata dell’esame, non risulta scomoda.

L’esame è estremamente breve. I protocolli del tempo di acquisizione vengono definiti in funzione del tipo di applicazione clinica. In base alle informazioni richieste per la diagnosi, può variare da 10” a 20” (ciò significa un tempo di esposizione ai raggi X di pochi secondi): più sono le informazioni necessarie, maggiore sara’ la durata dell’esame.

Non è una procedura dolorosa e non viene impiegato alcun tipo di mezzo di contrasto.

 

 

Lascia un commento

(0 Commenti)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat